Passo Rombo - Timmelsjoch


  • 28.7 km

    Distance

  • 676 m

    Min height

  • 2475 m

    Max height

  • 1799 m

    Δ height

  • Road

  • Rest

  • Effort

  • Fame



L'alto valico, in tedesco Timmelsjoch, collega mediante un'impegnativa strada asfaltata l'italiana Val Passiria, laterale della valle dell'Adige, con l'austriaca Otztal, laterale della valle dell'Inn; il passo è stato utilizzato fin dal 1200 per i traffici commerciali tra Veneto e Baviera attraverso il Tirolo, ma non assunse mai grande importanza per la concorrenza dei passi, ben più accessibili, del Brennero e di Resia; è alquanto recente la costruzione della parte più elevata dell'attuale strada turistica.

Il tracciato risulta piuttosto ripido, stretto e tortuoso, con molte gallerie, sul versante italiano, mentre si presenta più largo ed agevole su quello austriaco, dove comunque le pendenze nel tratto conclusivo sono molto severe; la percorrenza del tratto finale sul versante austriaco è soggetta al pagamento di un pedaggio per i veicoli a motore.

Il valico è quotato in modo diverso a seconda delle varie carte e guide consultabili; si riscontrano valori tra i 2491m ed i 2509m.
Il percorso risulta uno dei più impegnativi delle Alpi e, sul versante italiano, uno dei più lunghi e con maggior dislivello; esso presenta un forte contrasto di caratteristiche dei luoghi, del territorio e della vegetazione tra la bassa valle, fortemente popolata e coltivata, e le alte e selvagge montagne ricche di ghiacciai che coronano il passo.


Da Gomion (763m) comincia un falsopiano e a 3,5 Km da S.Leonardo la strada si impenna e sale molto ripida per un chilometro nel bosco, poi continua moderata attraversando due semigallerie paravalanghe e ridiventa dura prima di percorrere due brevi gallerie; in alcuni tratti la strada è tagliata nelle rocce a picco sul fiume Passirio.
Si arriva a Moso in Passiria/Moos in Passeiertal (1007m), di cui si lascia verso valle il centro abitato; la strada si impenna per risalire con 4 ripidi e stretti tornanti il fianco settentrionale della valle.
Dopo 3,5 Km di faticosa ascesa si incontra un breve falsopiano presso una teleferica forestale; si continua in impegnativa salita fino al bivio per Corvara in Passiria/Rabenstein, a 5 Km da Moso, dove si incontra un cartello di divieto di transito alle biciclette, peraltro poco rispettato.

La salita ridiventa molto dura e presenta alcune gallerie, anche abbastanza lunghe, per cui risulta utile essere dotati di uno strumento di illuminazione per vedere il percorso e per farsi notare da automobilisti e motociclisti; si guadagna quota con alcuni duri tornanti ed il tracciato si snoda nel bosco molto in alto rispetto al fondovalle dove scorre il torrente Passirio.
Si entra a mezza costa nell'ampia conca di pascoli, punteggiata di baite, dove in basso presso il torrente sorge il pittoresco ed isolato abitato di Corvara in Passiria (1419m); un tratto di falsopiano conduce al ponte sul rio di Montenevoso (1666m).

Si continua in leggera salita attraversando una galleria, dopo la quale si trovano due ristoranti in bella posizione panoramica; la strada procede tagliata in ripide pareti rocciose ma risulta facile fino presso i casolari di Belprato/Schonau (1684m), che non si vedono perchè si trovano più in basso rispetto al piano stradale; si vedono invece benissimo i durissimi tornanti che ci si appresta ad affrontare.

In moderata salita si raggiunge il ponte sul torrente Passirio a quota 1759 metri, poi la strada sale ripida fino ad una galleria, supera un falsopiano ed un'altra galleria, dopo la quale si trova un ristorante, presso il quale la strada si impenna ripida mentre si apre una splendida vista dei ghiacciai del M.Principe (3403m) a sud.

Si affrontano alcuni duri tornanti; all'uscita dell'ultimo si incontra un breve falsopiano, seguito da un lungo e molto impegnativo tratto in costa in direzione nord; dopo un tornante si ritorna verso sud con un altro lungo e duro tratto in costa, poi si affrontano 3 ripidi tornanti ravvicinati e si arriva all'imbocco (2,3 Km dal passo) della galleria di 555 metri lunga ed antipatica per le infiltrazioni di acqua ed il fondo dissestato; un apparecchio di illuminazione risulta indispensabile per il ciclista.

Fortunatamente all'imbocco della galleria la strada diventa quasi piana e tale si mantiene nel seguito attraversando altre due brevi gallerie; senza difficoltà il tracciato si snoda in costa fino ad arrivare in vista del valico; con una breve rampa si raggiunge la sommità, dove si trova la linea di confine; sul lato austriaco esistono un rifugio ed un ampio piazzale parcheggio.
Il valico, sella solitaria fra il Monte Panca ed il Monte del Rombo, presenta un panorama grandioso e selvaggio di alte montagne e ghiacciai; cumuli di neve si conservano presso la strada anche in piena estate.


The high pass, in German Timmelsjoch, connects through a busy paved road in the Italian Val Passiria, the lateral side of the valley of the Adige, with the austrian is Only at the side of the valley of the Inn; the step has been used since 1200 for the trade between the Veneto region and Bavaria through the Tyrol, but not assumed ever greater importance for the competition of the steps, which are far more accessible, Brenner and Resia; it is a fairly recent construction of the higher part of the current tourist road.

The path is rather steep, narrow and winding, with many galleries, on the Italian side, while it is more wide and easy on austria, where, however, the gradients in the final stretch are very strict; the mileage of the final stretch on the austrian side is subject to the payment of a toll for motor vehicles.

The pass is quoted in a different way depending on which of the various charters and guides available; you are having values between the 2491m and 2509m.
The path is one of the most challenging of the Alps, on the Italian side, one of the most long and with a greater difference in height; it presents a strong contrast to the characteristics of the places, of the territory and of the vegetation between the lower part of the valley, heavily populated and cultivated, and the high and wild mountains with glaciers that surround the pitch.


From Gomion (763m) begins a slight slope and is 3.5 Km from S. Leonardo, the road goes up and up very steep for a kilometer into the forest, then continue to moderate through two semigallerie mounds and becomes hard before walking two short tunnels; in some places the road is cut in the rocks overlooking the river Passer.
You get to Moso in Passiria/Moos in Passeiertal (1007m), of which it leaves to the valley in the centre of the town; the road goes up to be able to find 4 steep, narrow switchbacks on the north side of the valley.
After 3.5 Km of strenuous ascent, he meets a short slight at a cable forestry; continue the challenging climb up to the junction for Corvara in Passiria/Rabenstein, 5 Km from Moso, where you come to a sign prohibiting transit to the bicycle, however, little respected.

The climb becomes very hard and has some of the galleries, also quite long, for which it is useful to be equipped with a lighting tool to see the path, and to get noticed by motorists and motorcyclists; you earn share with some hard curves and the path winds in the forest, much higher than the valley floor, where flows the river Passer.
You enter at the middle of the coast in the wide valley of pastures, dotted with huts, where down at the creek is located in the picturesque and isolated village of Corvara in Passiria (1419m); a stretch of open ground leading to the bridge over the rio di Montenevoso (1666m).

Continue uphill through a gallery, after which there are two restaurants in a beautiful panoramic position, the road proceeds to cut into the steep rocky walls, but it is easy to up at the houses of Belprato/Schonau (1684m), which are not seen because they are lower relative to the road surface; you can see rather well in the long, hard road, there is going to face.

In moderate climb you reach the bridge on the river Passirio to share 1759 metres, the road climbs steeply up to a gallery, exceeds a slight slope and another gallery, after which you will find a restaurant, at which the road goes up a steep while you will have a wonderful view of the glaciers of the M. Prince (3403m) to the south.

You face some hard turns; at the exit of the last meeting a short slight, followed by a long and very challenging stretch of coast in the direction of the north; after a hairpin turn back towards the south with another long, hard stretch of coast, and then you face 3 and the steep hairpin bends close together and you arrive at the entrance (2.3 Km from the step) of the gallery of 555 metres long and unpleasant for the infiltration of water and the uneven bottom; a lighting device is essential for the cyclist.

Fortunately, at the entrance of the gallery, the road is almost flat, and stays that way in then through the other two short tunnels; without difficulty, the path winds along the coast until you reach the view of the mountain pass; with a short ramp to reach the top, where is the boundary line; on the austrian side there are a refuge and a large forecourt parking.
The pass, the saddle solitary between the Mount Bench and Mount the Diamond, has a grandiose panorama of the wild and of high mountains and glaciers; piles of snow are preserved at the road even in the middle of summer.

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page