Col de lIseran


  • 32.5 km

    Distance

  • 1394 m

    Min height

  • 2760 m

    Max height

  • 1366 m

    Δ height

  • Road

  • Rest

  • Effort

  • Fame



L'altissimo valico alpino collega la valle dell'Isère con quella dell'Arc, affluente dello stesso Isère, attraverso un fantastico scenario di grandi cime montuose e superbi ghiacciai, all'interno del Parco nazionale della Vanoise.
Il passo era già frequentato nei secoli scorsi per i traffici locali, ma la strada è stata inaugurata solo il 10 luglio 1937, dopo 20 anni di lavori, dal presidente della repubblica francese Albert Lebrun.
Al momento della sua apertura ha sottratto lo scettro di passo più alto d'Europa al Passo dello Stelvio, prima di essere a sua volta detronizzato nel 1964 dal connazionale Col de la Bonette (2802m).
La strada è interamente asfaltata, anche se il fondo della carreggiata risulta abbastanza rovinato nella parte più elevata, soggetta ad innevamento per molti mesi all'anno; le pendenze non sono mai estremamente ripide, ma la lunghezza del percorso con il consistente dislivello e le difficoltà climatiche legate alla quota rendono molto duro l'impegno per il ciclista; su entrambi i versanti la salita è divisa in due tratti separati da una fase centrale in falsopiano.

Sul versante meridionale il percorso prende l'avvio a Lanslebourg-Mont-Cenis (1399m), dove comincia anche la strada per il Colle del Moncenisio (2084m); si sale dolcemente a Lanslevillard (1479m) e con severa pendenza alla cappella della Magdeleine (1750m), affrontando successivamente un tratto di discesa ed il lungo pianoro che conduce a Bessans (1720m), stazione turistica che conserva l'antica tradizione del legno intagliato; la vecchia strada attraversa il paese mentre il tracciato moderno percorre la scorrevole circonvallazione.
Si procede senza difficoltà fino a Bonneval-sur-Arc (1819m), base per numerose escursioni, dove si abbandona il fondovalle ed il fiume Arc che nasce dal ghiacciaio ai piedi della Levanna, sul confine con l'Italia.
Si affronta la dura salita finale che supera con ampi tornanti la parete montuosa che chiude la valle verso nord; dopo aver attraversato lo stretto passaggio delle Gorges de la Lenta si toccano le isolate località di Lenta e Pied-Montet (2270m); dopo un tornante a quota 2360m ed una breve galleria si attraversa il torrente Lenta al Pont de la Neige (2503m) e si percorre in costa con forte pendenza tutta la parete sotto la Pointe des Lessières (3041m); dopo un ulteriore tornante si affronta l'ultimo ripido tratto fino al passo.


The highest mountain pass connects the valley of the Isère with that of the Arc, a tributary of the same Isère, through the fantastic scenery of the great mountain peaks and breathtaking glaciers, inside the national Park of Vanoise.
The step was already popular in past centuries to the local traffic, but the road was only opened on July 10, 1937, after 20 years of work, by the president of the French republic, Albert Lebrun.
At the time of its opening, has stolen the scepter of the highest pass in Europe at the Stelvio pass, the first to be overthrown in 1964 by fellow Col de la Bonette (2802m).
The road is completely paved, even if the bottom of the track is quite ruined in the highest part, which is subject to snow for many months of the year; the slopes are never very steep, but the length of the path with the significant difference in height and the difficult climatic conditions related to the share make it very hard efforts on the bike, on both sides of the climb is divided into two sections separated by a central stage on a slight slope.

On the southern side the path starts to Lanslebourg-Mont-Cenis (1399m), where begins the road to the mont-Cenis pass (2084m); rises gently to Lanslevillard (1479m) and with a severe slope to the chapel of the Magdeleine (1750m), then facing a stretch of downhill and along the plateau that leads to Bessans (1720m), tourist resort that still retains the ancient tradition of carved wood; the old road through the village, while the modern track along the sliding ring.
It goes without difficulty up to Bonneval-sur-Arc (1819m), a base for numerous excursions, where you leave the valley floor and the river Arc that originates from the glacier at the foot of the Levanna, on the border with Italy.
It tackles the tough final climb that exceeds wide bends the wall of mountains which closes the valley to the north; after passing through the narrow passage of the Gorges de la Slow you touch the isolated village of Slow and Pied-Montet (2270m); after a bend on the share 2360m, and a short tunnel, crosses the river Slow to the Pont de la Neige (2503m) and it runs in the coast with a strong gradient across the wall of the Pointe des Lessières (3041m); after a further turn, deals with the last steep section up to the step.

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page